Gps da ciclismo: modelli più economici 2020, info e prezzi

I bikers più avventurosi troveranno nel Gps da ciclismo pane per i loro denti. Questo piccolo, ma utilissimo dispositivo digitale arricchirà, infatti, la loro esperienza in sella alla bici o alla mountain bike alla scoperta di territori inesplorati. Il mercato non lesina offerte a riguardo proponendo Gps portatili dedicati proprio a chi pratica ciclismo, sia amatoriale che agonistico, ricchi di funzionalità e prestazioni variabili da modello a modello. Il re dei ciclocomputer Gps resta Garmin, con la sua gamma di dispositivi per ogni fascia di prezzo e di utenza, i migliori in assoluto fra i navigatori portatili outdoor, concepito per divertirsi e scoprire il gusto dell’escursione in mountain bike, ideale anche per i trekkers e gli alpinisti, in commercio al prezzo approssimativo di 200 euro.

Adatto per chi si spinge in alto, dotato di altimetro barometrico e bussola elettronica, con incorporata la mappa europea. Sempre griffati Garmin i dispositivi per lo studio preventivo dei percorsi sulla base dell’altitudine e dei dati logistici, con funzioni più avanzate rispetto al precedente fra cui il calcolo del battito cardiaco, la velocità media istantanea tenuta lungo il tragitto ed altri parametri utili al cicloturista, ma anche a chi pratica ciclismo sportivo in quanto si presta a monitorare gli allenamenti e il raggiungimento dei traguardi da parte degli atleti. Si cambia brand con i ciclocomputer Gps di Polar, in vendita sui 160 euro, modelli di ultima generazione con Gps integrato e display touchscreen a colori.

Questi apparecchi sono in grado di rilevare le distanza, i tracciati e la velocità del biker, mentre l’altimetro barometrico segnala dati precisi sui dislivelli, calorie bruciate e livelli di altitudine, oltre a calcolare l’angolo di pendenza di un percorso. Per quanto i ciclocomputer siano nati proprio per accompagnare chi va in bici, in realtà alcuni modelli possono essere usati anche da chi fa escursionismo a piedi, a cavallo o anche in moto. Ci sono, poi, i ciclocomputer in senso letterale, legati esclusivamente all’attività ciclistica, in questo caso le funzioni più avanzate monitorano la frequenza cardiaca, scandita dal ritmo della pedalata. Come sempre, dipende dalle esigenze soggettive orientare la scelta sull’uno o sull’altro dispositivo.